Raggi

by Paolo Monaco sj

Home   |   Esercizi spirituali   |   Arte   |   Esperienze   |   Saggi   |   Link

Search  |  Site map  |  E-mail

 

 

 

Saggi >
Comunione

 

Puglisi, un uomo semplice

Ho conosciuto un martire

 

 

 

Pubblicato
in parte su
Città Nuova 9
(10 maggio 2013)
pp. 22-23

 

 

 

ALTRE PAGINE

 

Mondanità
spirituale.
Non lasciamoci
rubare il Vangelo

 

Il più bello

 

Il motto di
Francesco è
“Misericordiando”

 

Generare
la profezia

 

Entrare
nella luce

 

Puglisi, un
uomo semplice

 

Giovani,
camminiamo
controcorrente

 

Io sono
il tuo perché

 

Si apre una
nuova fase
nella Chiesa
cattolica

 

Pace,
fratello mio

 

Esercizi
spirituali
collettivi

 

Maria Desolata
e la nuova
evangelizzazione

 

Il coraggio
di un vero
cambiamento

 

Un passaggio
epocale

 

Per una società
interculturale

 

Chiara Lubich
e l’obbedienza

 

Lo sguardo
del cuore

 

Gli strumenti
della spiritualità
di comunione

 

L’oggi di Dio
e della Chiesa

 

 

Sono arrivato a Palermo nel 1985 a 23 anni. Da Napoli, dove avevo vissuto tra Posillipo, studiando filosofia con i gesuiti, e Acerra, giocando con i bambini terremotati dell’81 che vivevano nei container.

 

Abitavo nella comunità dei gesuiti a circa 500 metri dalla casa di Falcone, di Libero Grassi, di Rocco Chinnici ecc. Poco più in là avevano ucciso Piersanti Mattarella e il generale Dalla Chiesa. Palermo e la sua “via crucis”.

 

Mi fu chiesto di insegnare religione nel “Collegio Gonzaga” (oggi CEI), istituto scolastico di una certa “Palermo bene”. In classe incontravo i figli di poliziotti uccisi dalla mafia, di alti rappresentanti del comune, di avvocati e giudici impegnati nel maxiprocesso e tanti altri ecc. C’erano anche quelli della cosiddetta zona grigia e forse qualche figlio di mafioso...

 

Ma era la “Primavera di Palermo”, l’inizio del maxiprocesso, un tabù che veniva infranto. Fu emozionante, commovente, illuminante, entusiasmante partecipare a quella stagione, esserne formato nella mente e nel cuore.

 

I bambini del Capo, quartiere storico della città, dove andavo con alcuni studenti per il doposcuola organizzato dai gesuiti che abitavano lì, mi insegnarono a “respirare” la città, a interpretarne le parole, i silenzi, gli sguardi. A decidere dopo due anni di lasciare l’insegnamento della religione nella scuola dei gesuiti.

 

Tutto mi spingeva ad aprire bene gli occhi e l’anima su quanto stava accadendo, a ringraziare coloro che sin da allora stavano donando la loro vita per me.

 

E poi ho conosciuto 3P, ovvero, Padre Pino Puglisi. Un sacerdote come tutti gli altri, impegnato in quel periodo come direttore del Centro Diocesano Vocazioni. Ci si ritrovava con religiosi, religiose, laici, giovani e adulti di vari carismi, parrocchie, associazioni. Si preparava insieme, veramente insieme, anche nei dettagli, un incontro mensile di preghiera per giovani.

 

Era un’esperienza di comunione e fraternità vissuta intensamente. I giovani lo sentivano e accorrevano in tanti. Diventò un appuntamento importante per ritrovare le radici della fede e di una coscienza umana che dovevano “prendere posizione”.

 

Non era possibile “stare a guardare” e neppure fare discorsi. Si andava in profondità: leggi il Vangelo, prega, ascolta nel tuo cuore Gesù che ti chiama a una vita felice, giusta, vera, libera. E decidi con Lui come vivere la tua vita: questo era il metodo Puglisi.

 

L’ultima volta che l’ho abbracciato fu a Taormina in un giorno di festa, tra amici.

 

Di lui porto nel cuore la testimonianza, e l’appello, di un uomo semplice che ha vissuto con radicalità la vita del Vangelo. Non c’è bisogno d’altro per individuare la mentalità mafiosa che come un cancro si annida, e si nasconde, in tutti gli ambienti.

 

E dire di no, fino alla fine.

 

 

Inizio

 

 

 

 

Licenza Creative Commons

Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported